Ti segnalo a questo proposito il mio gruppo fb, Un’altra via è quella di una presenza social efficace e determinata. Disegnavo, scrivevo, immaginavo solo per me ed il mio diletto, pensando in cuor mio che le mie storie non sarebbero mai interessate a nessuno. Per pubblicare con una casa editrice il tuo romanzo deve essere coerente, credibile e originale. Il mercato dell’editoria è saturo. per il mio secondo manoscritto: un romanzo. Per qualità intendo originalità della tua scrittura e affinità con la linea editoriale della casa editrice a cui aspiri. Non è proprio vero quello che scrivi. Io nel mio intimo rifiutavo quest’ipotesi: e chi aveva il coraggio di esporsi? Le case editrici per scrittori esordienti sono migliaia. Ma per lo più so ben individuare le potenzialità di un testo. Mi piaceva moltissimo. Tra i vari argomenti condivido anche storie di autori che alla fine sono riusciti a pubblicare con una casa editrice seria e affidabile (quindi anche gratuita). Prima di pensare di pubblicare con una casa editrice di alto livello bisogna riflettere sulla qualità del proprio romanzo. Buongiorno Paolo, certo non è facile. Buongiorno, ho trovato utili i consigli, se non altro disinteressati.. Anche io ho pubblicato con un contributo presso una casa editrice abbastanza nota. Case editrici free specializzate in narrativa per bambini e adolescenti. Ora che voglio pubblicare il primo, è passato un anno di sole delusioni… nessuna editoria mi risponde, quelle che lo fanno (dopo essermi informato) scopro che vogliono truffarmi e nemmeno rispondono alle mie mail di richiesta di informazioni. L’editoria è un campo terribile per gli esordienti…. Ma sentivo che non era pronto, mancava qualcosa, lo sentivo grezzo. Il giorno del mio quarantatreesimo compleanno, soffiando le candeline mi convinsi: c’era un ultimo passo da fare e andava fatto! A volte la passione non basta, bisogna che il testo abbia alti standard qualitativi. Non fatevi prendere dalla fretta, dalla frenesia di essere pubblicati. I suoi consigli dispensati sui social erano utilissimi, e per me che volevo far parte del mondo editoriale erano a dir poco una manna. Accertarsi delle modalità di contatto con l’editore. Mi ritrovai davanti al portone del loro palazzo alle dieci del mattino e aspettare le due del pomeriggio fu una specie di gioco al massacro tra me stessa. Confrontarsi con altri autori che hanno già pubblicato entrando in gruppi e forum. Quelli furono i dieci minuti più lunghi della mia vita. Vediamo alcuni step da cui non si può prescindere. Ma ecco alcune ricerche che potete fare. Penso che dovremmo vedere anche questa realtà. Le case editrici italiane per scrittori esordienti ed emergenti sono migliaia, ognuna con peculiarità distinte: chi si dedica al fantasy e chi alla tematica dei viaggi, chi alla narrativa noir e chi alla saggistica religiosa, e chi cura più linee, soprattutto le più importanti e famose presso il grande pubblico, grazie a collane dedicate o a progetti interdisciplinari. A quale casa editrice invio la mia opera? Ma vediamo quali aspetti dovreste verificare dell’editore a cui pensate di rivolgervi o vi siate già rivolti. Gli scrittori oggi devono contribuire in modo attivo nella diffusione dell’opera ma gli strumenti sono davvero tanti e non sarà certo impossibile. Ora ho tra le mani un vero contratto editoriale e, Come trovare case editrici per esordienti (senza contributo), Per pubblicare con una casa editrice il tuo romanzo deve essere coerente, credibile e originale. Fai le mosse giuste“. Case editrici per esordienti Creato il 18 aprile 2011 da Naira Santerelli. Il rischio è basso, molto basso. Voi non siete dei clienti, siete professionisti che “vendono” e non “comprano” la propria opera. Editori non a pagamento per esordienti. Durante la mia ricerca di una casa editrice free che mi permettesse di realizzare il mio sogno, pubblicare il mio primo romanzo, ho attentamente stilato, scrutando in rete, una mia personale lista di case editrici che non chiedono alcun contributo all’autore. Ciao Ho pubblicato un primo libro di racconti con una piccola casa editrice. Il mercato dell’editoria è saturo. In, Intervista davvero molto interessante in compagnia di, Una domanda tutt’altro che banale. Se vuoi iniziare a progettare il tuo romanzo nel modo giusto, segui, Seleziona con cura solo le case editrici che pubblicano romanzi affini al tuo. L’editoria a pagamento (EAP), o “Vanity Press”, è un fenomeno ancora diffuso nel panorama editoriale italiano.Una casa editrice è a pagamento se chiede all’autore un contributo economico, più o meno mascherato, al fine di impegnarsi nel processo di revisione, editing e di distribuzione dei suoi libri. Aspetto da valutare perché non può mancare un vero e proprio progetto culturale. Importante Daniela è analizzare bene ogni proposta che ci viene fatta, non cadere nelle trappole e valutare benefici e vantaggi che possiamo avere. Forse l’illusione che soffiare su quelle piccole candeline che, anno dopo anno si moltiplicano, davvero aiuti a far esaudire i desideri contribuisce a rendere quelle ore le più belle dell’anno. Naviga e naviga ho scoperto una lista di case editrici per esordienti che non richiede contributo di pubblicazione e indovinate un po'? Ho partecipato a vari premi letterari, ottenendo in due casi riconoscimenti di merito, ma mai proposte editoriali. Se non hai un metodo di progettazione narrativa, ma ti affidi all’improvvisazione e scrivi di getto, ti consiglio fortemente di cambiare strada. Ti auguro di raggiungere il successo letterario che meriti. Case editrici migliori SENZA CONTRIBUTO. La casa editrice è un’impresa a tutti gli effetti e come tale deve potersi sostenere con i propri mezzi. Ma è anche questione di amor proprio e di difesa di un lavoro prezioso e creativo come quello dello scrittore. from the story Lista Case Editrici e Non Solo by Graziaceleste with 199 reads. Prima o poi bisogna tentare ma molti autori che hanno pubblicato in tutta fretta si sono poi pentiti di questa decisione. Lo dissi raggiante a tutti e quando lo seppe Stefania lei ne gioì e, per me fu bello condividere con lei questaÂ, All’inizio di Luglio inviai il romanzo e circa due settimane dopo una, Il desiderio che avevo espresso l’anno precedente si compì con un po’ diÂ. Ovviamente la lista non è completa. Elenco degli editori più importanti per città.. Ma sentivo che non era pronto, mancava qualcosa, lo sentivo grezzo. Farle convivere non era affatto facile, poiché la mia fantasia voleva emergere, espandersi, era un’esigenza pressante come respirare. Infine invio un augurio specialissimo a tutti coloro che come me sono degli orgogliosi ed eterni sognatori! Evita di spammare il tuo romanzo nella casella e-mail di tutti gli editori italiani. Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Sempre. Last but not least, il riferimento alla proposta editoriale "facile", che puzza molto, ma molto da editoria a pagamento. Solitamente gli autori esordienti che scrivono libri non hanno per nulla chiaro tutti gli aspetti del mercato e cosa consente alle loro opere, capolavori o insignificanti che siano, di essere letti. Una casa editrice è a pagamento se chiede all’autore un contributo economico, più o meno mascherato, al fine di impegnarsi nel processo di revisione, editing e di distribuzione dei suoi libri. Per approfondire questo argomento consiglio di vedere questo video “Pubblicare ad ogni costo? In questo articolo voglio raccontarti la storia di Teresa, che nell’arco di dodici mesi ha concluso la stesura del suo romanzo d’esordio e ha trovato una casa editrice di alto livello disposta a pubblicare la sua opera prima. case editrici non a pagamento per autori esordienti e scrittori Le case editrici non a pagamento, anche per gli aspiranti autori, si dividono in centinaia e migliaia di nominativi a seconda del genere trattato, dal fantasy, all’horror, al romance, al thriller, ai volumi poetici, ecc. Sentivo le guance roventi e per un paio di volte dovetti fermarmi a prender fiato. Gli autori possono contattarci usando preferibilmente il nostro forum sull'argomento, in … Ma la magia del compleanno non si era affatto esaurita. Non ero sicura che potesse piacere anche agli altri. La mia missione è aiutare tutti gli scrittori e le scrittrici in difficoltà a trovare la strada giusta per emergere, imparando a orientarsi nel mondo editoriale, evitando di cadere in ansie e frustrazioni. In principio mi limitavo a porre un foglio sulla copertina dell’album di figurine e a ricopiare i tratti di quei meravigliosi disegni. Ogni giorno incontro persone interessate e motivate, preparate che hanno voglia di imparare e crescere. Sono Stefania Crepaldi, editor di romanzi freelance. Perché, che te lo dica tu a te stessa è un conto, che te lo dicano i tuoi parenti è un altro, ma se te lo dice qualcuno che reputi competente, senti già la terra mancarti sotto ai piedi e inizi a realizzare che poi, in fondo, volare è possibile. Ci sono un po’ ovunque, sparsi per il web, consigli per gli esordienti: come scrivere e confezionare un romanzo di successo e soprattutto a quali case editrici inviarlo. Per chi non ha visitato questa pagina del nostro sito: «Come editori riserviamo anche uno spazio per gli autori esordienti ed emergenti ai quali chiediamo una sola cosa: di mettere da parte la vanità di vedersi pubblicare un libro e capire realmente come funziona il mercato editoriale. Ho scritto addirittura un Vademecum per scrittori esordienti, lo trovate nell’articolo dedicato alle caratteristiche che dovrebbe possedere gli esordienti. Ci sono elenchi di case editrici che accettano di valutare opere inediti di inesperti sa cui potete prendere spunto. Loro arrivano dallo stesso mondo degli editori, non prendiamoci in giro. All’inizio di Luglio inviai il romanzo e circa due settimane dopo una email del dottor Fanucci in persona mi informò che gli era piaciuto e che voleva sottopormi una proposta contrattuale. Evitate di scrivermi editorie a pagamento. Naviga e naviga ho scoperto una lista di case editrici per esordienti che non richiede contributo di pubblicazione e indovinate un po'? Anche per sapere se vale la pena investire nella storia che si ha in testa? La cosa più importante è aver scritto un testo di qualità. Tremavo, balbettavo, tutte le mie paure si erano concretizzate: la mia peggior nemica ero proprio io! Leggetelo con attenzione, vi sarà utile per non cade in trappola. Ma vi era un contrappeso altrettanto potente: la mia fantasia. Ma non è sempre così. Seleziona con cura solo le case editrici che pubblicano romanzi affini al tuo. Non ero sicura che potesse piacere anche agli altri. In che senso? Ma l’ora giunse e tremante mi diressi verso la prova più importante di tutte. Poi però l’occasione fece capolino e si concretizzò in uno, Ma l’ora giunse e tremante mi diressi verso la prova più importante di tutte. Avete presente quel numero che trovate vicino al codice a basse e al prezzo di copertina? Case editrici per esordienti. Infine, la moltitudine degli anziani si stanca di meno non leggendo, ma ascoltando i bla-bla televisivi. Gli scrittori esordienti lavorano molto sulla loro opera, sono motivati, vogliono fare bene. Mi dispiace. corrono un unico grande rischio, quello di farsi prendere dalla smania di pubblicare e accettare condizioni discutibili quando non truffaldine.Â. Ripeto:l le case editrici sono imprese a tutti gli effetti, devono sì produrre reddito ma sostenersi con i propri introiti.Â, Purtroppo si è creato, negli anni un vero e proprio business dell’editoria a pagamento che ha fatto leva sull’inesperienza degli autori, sul desiderio di essere pubblicati ad ogni costo, su una normativa di vecchio stampo che non tutela gli scrittori e gli artisti in generale.Â. Per cercare altre case editrici basta scegliere la singola lettera iniziale nei link riportati nel menu generale. La partecipazione attiva e la presenza della casa editrice ad eventi, fiere, festival di settore è indispensabile per far circolare il libro. A me pare che anche sulla ricerca nella lista “Editori” ci sia una grande confusione, molte editoriali inesistenti di gente che cerca siltanto farti aprire un link, credo che sia colpa anche di Giigle o chi per esso gestisce ciò non controllare detti siti aperti solo per guadagnare qualche soldino, in fondo editoriali ne cinosciamo tante anche se non scrittori ufficiali ma in cerca di esserlo,_ saluti. Sì Alessandro, l’ambiente non è semplice ma, mi creda, a fronte di tanti poco seri esistono ancora bravi editori. Forse questo dev’essere trapelato perché mi fu chiesto il romanzo intero in lettura ed io uscii da quella stanza con un grosso sorriso stampato in volto e le gambe tremolanti. L’editore stesso ha contattato gli esordienti e parlo di grandi nomi dell’editoria attratti sia dalla tematica, dalla qualità della scrittura e della comunicazione ma anche da una numerosa e attiva presenza di follower. Quello però che puoi fare fin da subito è lavorare giorno dopo giorno nel modo giusto, studiare nuovi modi per rendere originale il tuo romanzo, imparare dalle critiche e accettare i rifiuti. Data per appurata la qualità del testo bisogna valutare a quali editori ci si stia rivolgendo. sotto ai piedi e inizi a realizzare che poi, in fondo, volare è possibile. Non ho mai creduto fortemente a qualcosa di mio, ma questa volta era diverso. E per fare questo non c’è soluzione migliore di progettare prima di scrivere. PubMe Editore è una vero e proprio polo di editori non a pagamento per esordienti. Abbiamo visto, tra le caratteristiche di una buona casa editrice, quella di non essere a pagamento. Qualsiasi elenco non potrà rispondere del tutto a questa domanda. Se pensi che inviare il tuo manoscritto a tutte le case editrici presenti nel panorama editoriale italiano sia una strategia, posso garantirti che sei fuori strada. Dopo più di sei mesi i risultati sono scarsi. Ad ogni modo, conviene tutelarsi se si hanno dubbi o timori. Quell’otto giugno era una giornata torrida. CASE EDITRICI CHE PUBBLICANO ESORDIENTI ED ALCUNE SENZA CONTRIBUTO A ... Aradia Edizioni Esordienti senza contributo B Barbieri Editore Bastogi Editrice Bel Ami Edizioni Boopen C Caravaggio Editore Carello Editore Casa dei sognatori Chiaraluna Edizioni … L’editoria in Italia ha attraversato momenti di profonda crisi (da cui non è ancora uscita); nel nostro Paese, non è facile per un editore produrre libri e poi immetterli in un circuito – quello della distribuzione – che andrebbe rivisto sotto numerosi aspetti, ristrutturato. Quest’ultimo caso è quello che ha dato a Teresa la possibilità di farsi conoscere dal suo editore, di dimostrare il valore e di mettere in risalto le enormi potenzialità del suo romanzo. In questo caso è l’editore che ti seleziona; 2) puoi selezionare un elenco di case editrici gratuite potenzialmente idonee a pubblicare il tuo romanzo e proporti con cortesia, gentilezza e professionalità; 3) puoi partecipare a uno speed date letterario e presentare il tuo romanzo direttamente all’editor di casa editrice o all’editore.